il tempo scorre: archivio

Il tempo scorre, ma le cose restano…….

domenica  21 febbraio al  Mercato della Terra di Padernello interessante incontro sui  mais antichi e Cascina Costa Antica è stata invitata a presentare  la storia del

Mais Martino mais per padernello

expo

♥♥♥♥♥♥♥♥

 by Marilena ultima cena di tiziano

Ultima Cena di Tiziano esposta in occasione dell’EXPO

Dietro ad ogni grande personaggio della storia c’è sempre un cibo che l’ha nutrito e di conseguenza un contadino che l’ha prodotto. Persino Gesù nell’Ultima Cena non avrebbe potuto spezzare il pane e bere il vino instaurando il sacramento dell’Eucaristia, se dietro non ci fossero stati dei contadini che con il loro duro lavoro fatto di pochi mezzi non avessero curato la vigna e seminato il grano.Non dimenticatelo mai quando acquistate e mangiate:

dietro al vostro acquisto c’è sempre la mano ruvida di un contadino, anche se i supermercati fanno di tutto per celarla dentro sacchetti, confezioni, pacchetti, vasetti. La vostra salute dipende dal contadino che ha prodotto il vostro cibo.van gogh contadini

Van Gogh: contadini

♥♥♥♥♥♥♥♥

EXPO nutrire il pianeta  e la prima guerra mondiale

24 maggio 1915 – 24 maggio 2015

foto-domenico-ryolo-prima-guerra-mondiale-203foto di Domenico Ryolo grande guerra

10 milioni di vittime a difesa di interessi superiori alla loro comprensione, per difendere terre e confini che ora sono patrie comuni e terre condivise nell’Unione dell’’Europa

Nel film “Torneranno i prati” Ermanno Olmi sostiene che nessuno ha chiesto scusa per il tradimento perpetrato ai danni di milioni di giovani, morti per nulla.

E soprattutto scusa al mondo contadino, da cui provenivano da tutte le regioni italiane la maggior parte dei futuri soldati da inviare al massacro. Scusa ai contadini strappati al solo lavoro che conoscevano, al solo dialetto fatto di parole legate alla terra, ad affetti ed amori appena sbocciati con una fidanzata, con una moglie e con bambini spesso mai conosciuti.

E scusa alle donne contadine restate a casa a curare i campi e a portare avanti una agricoltura di sussistenza in zone rurali e montane spesso devastate dal passaggio dei soldati

P.S: in ricordo della eroica nonna di Gustavo,che ha cresciuto in montagna i tre figli di un marito giovanissimo morto in campo di concentramento in Prussia, facendo legna nei boschi di notte, allevando tre pecore e coltivando a mano un piccolo campo di cereali e patate

 ♥♥♥♥♥♥♥♥

EXPO 2015 Nutrire il pianeta nel centenario della prima guerra mondiale: gli animali in guerra

by · 31 maggio 2015

primavera 2012

LE RONDINI DI CASCINA COSTA ANTICA

E ‘ arrivato di mattina presto il segnale: tutti fuori dal nido! Così da sotto  il portico ecco volare  5 rondinotti neri e bianchi: un grido stridulo richiama la mia attenzione: avvistato il gatto nel cortile. Così questa mattina la mia micia viene da me nutrita abbondantemente e fatta entrare a dormire sulla sedia a dondolo. Pericolo scampato, si vola in libertà. Vedere quei piccoli così felici, che quasi al posto del beccuccio vedi una bocca sorridente, mi riempie sempre di meraviglia. Ho passato la mattina a fare foto, papà rondine permettendo. Il rituale si ripete: ordine, via, si vola. Ordine, si rientra, ordine si aspetta pazientemente il proprio turno per il cibo, si sonnecchia, ma sempre con un occhio aperto, se passa un insetto tutti a seguirlo con lo sguardo! Si riparte, si torna, si riposa, si mangia. Ed alla sera tutti a dormire, ma non più nel nido dove sono nati, ma vicino o dentro ad un altro nido. Ormai sono grandi

————————————————————————————————–

EVVIVA SI RACCOLGONO LE CORNIOLE! agosto 2012

sì, perchè è bello raccogliere, ma fa anche molto caldo e ci sono le zanzare e poi le piante di corniolo rilasciano una polverina che provoca un fastidioso prurito, proprio come il fico…..ma ne vale la pena

E pazientemente si utilizzano i frutti  per fare la confettura di corniole, lo sciroppo di corniole,  le cornicette in agrodolce: una delizia totale dalle grandi proprietà riconosciute sin dal tempo dei romani ed anche prima

i frutti del corniolo hanno proprietà digestive, aiutano ad annullare l’acido urico e per questo sono un ottimo accompagnamento di piatti a base di carne di maiale, formaggi, salumi. Sono corroboranti e rinfrescanti, ricchi di vitamina C. Il corniolo è utilizzato come medicinale anche per i problemi della prostata.

E non si butta via niente del corniolo:  il suo è un legno pregiato, ma anche i semi molto belli vengono usati per riempire cuscini salutari.

Cliccate corniolo  in rete e capirete.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *