Tag Archives: corto circuito

ti chiamerai Martino

Ed eccoci ad un nuovo anno di mais antico: è già il 18° anno ormai che seminiamo il mais,come molti di voi che ci hanno seguito sul nostro blog ben sapranno

http://cascinacosta.it/2013/la-storia-di-una-pannocchia-di-mais-antico-continua/

pannocchia

Quella piccola pannocchia del lontano 1997 è riuscita a creare una meravigliosa moltitudine di chicchi sparsi in tutti questi anni, imparentandosi a loro volta via via con altri mais di altre pannocchie antiche, tutte comunque parenti tra di loro, che portavamo preziosamente in cascina e seminavamo insieme alle nostre, in nome e in rispetto della legge  della biodiversità che recita:

più diversità, più ricchezza, più forza, più sapore

 

cassettapannocchie

               Dopo un  accurato lavoro di selezione, chi mai può dire ora quale tipo di mais sia mai il nostro. Si è così acclimatato bene nelle nostre terre coltivate biologicamente che ha dato origine a pannocchie ben strutturate, forti, belle a vedersi e buone a mangiarsi.

Ma allora ci è nata l’esigenza di risolvere questo dilemma, in risposta a quanti ci chiedono:che tipo di mais antico avete?

Caro vecchio mais di Cascina Costa Antica, è giunto il momento solenne che tu abbia diritto alla cittadinanza e al nome: sei ormai residente in queste colline da ben 18 anni, sei maggiorenne, e quindi riteniamo giusto darti la cittadinanza della Valle San Martino

e chiamarti

Martino

maistondo

a Cascina Costa Antica si coltiva il mais Martino

Slow Food e Cascina Costa Antica

http://bit.ly/ZofWbf

C’è un  articolo di Carlo Petrini Presidente dello Slow Food su Repubblica,  che potete vedere all’indirizzo qui sopra.

Questo mi permette di introdurre un fatto accaduto nella nostra cascina e che ho esposto già su facebook e sul sito www.unpaeseperstarbene.it

Cochi e Renato cantavano: “ la gallina non è un animale intelligente”

Scritto da Marilena il 15 – marzo – 2013

Obs, si è verificato qualcosa di imbarazzante…: le mie galline disdegnano l’insalata sparsa per terra che mia madre ha comperato in un noto supermercato e, considerandola per lei troppo dura, ha scartato…

Ebbene sono passati tre giorni e le mie galline la scartano, la snobbano, la ignorano, la scavalcano e si buttano invece sui miei duri scarti di cavolo biologico…. e l’insalata è sempre lì a terra perfetta, resistente a tutte le intemperie.

Le galline avranno meno cervello di noi umani, ma di sicuro hanno un ottimo istinto… O forse ancora i media non sono riusciti a convincerle che le insalate sono tutte uguali!

Dove potete trovarci

http://www.aiablombardia.it/le-aziende-biologiche-si-raccontano /Per conoscerci meglio vi consigliamo questo articolo che racconta  di Cascina Costa Antica e del nostro modo di lavorare per l’agricoltura e l’ambiente
Vi consigliamo anche il sito www.unpaeseperstarbene.it  per conoscere meglio il nostro paese e la nostra attività https://www.youtube.com/watch?v=bxMXNPzoiWE

foto di marilena

foto di marilena: gatto in visita, Pita accoglie

 Nel gustare i nostri prodotti  mandate un pensiero positivo alla terra e a coloro che insieme a lei hanno lavorato con passione

              PROSSIMI APPUNTAMENTI:

CANZO BIOFERA 14
“Che bella fiera!

Che bel mercato
qui tutto è bello
qui tutto è grato
aria sanissima
terra buonissima
che giocondissima
per noi sarà.
Chi va, chi viene, chi compra o vende
ed al mercato le sue faccende
ciascuno può fare con libertà”
(poeta della fiera di Canzo)

le nostre buone verdure di stagione sapientemente preservate nelle nostre 

minestre pronte essiccate

siamo maestri essiccatori dal 1980 per Survival food

una fonte di biodiversità che fa molto bene ed il fascino di un’arte antica

SEGUITECI ANCHE SU FACEBOOK : CASCINA COSTA ANTICA

Mercato della terra di Milano
Progetto SlowFood

Ogni primo e terzo sabato del mese
dalle 9 alle 14

Via Procaccini, 4 – Milano – Fabbrica del vapore
www.mercatidellaterra.it

 

 

a Como con il Corto Circuito presso i Padri Comboniani a Rebbio secondo sabato di ottobre

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

http://castellodiPadernello terza domenica di  ottobre

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

 

soave leggerezza di un campo di grano saraceno


Oggi, 9 novembre, questa soave leggerezza è anche

nei nostri cuori

Breve storia di due contadini ed un campo di esili pianticelle

Luglio 2012: due giorni dopo la raccolta del farro abbiamo seminato il grano saraceno. ha piovuto un poco, perfetto momento, che ha permesso alle piantine di nascere e crescere un poco.

Luglio agosto 2012:  arrivo della grande siccità: ogni piantina ha fatto di tutto per resistere. Un filo verde e un fiorellno bianco che al mattino di ergeva verso l’alto grazie alla poca frescura della notte e al tramonto era steso al suolo stremato.  Stormi di piccioni cercavano di mangiare le pianticelle. Ogni giorno noi sparavamo con la cacciacani per allontanarli.

Vedere quel campo brullo e allo stremo delle forze ci faceva sperare solo, come tutti gli agricoltori del resto,  nella pioggia.

E quando questa è arrivata abbiamo assistito al miracolo del deserto che fiorisce.

Ottobre 2012: tutto risolto? eh no, perchè la siccità aveva tenuto dormienti le piantine, così il tempo di raccolta slittava di un mese, dai primi di ottobre ai primi di novembre. In mezzo temporali, vento, gelo, dita incrociate.

Fine ottobre Era pronto, il momento era arrivato. Ma no! faceva toppo caldo, il grano saraceno  era umido,  non si poteva trebbiare. Aspettiamo ancora.

Novembre 2012: pioggia incessante, poi finalmente tre giorni di sole e di vento caldo. Perfetto, intanto il grano saraceno aspettava diritto e ormai tutti i semi erano ben formati e  maturi in tutte e tre le impalcature.

Mercoledì 7: arriva la mietitrebbia: pronti via…si rompe la cinghia.

Tutti fermi. Impossibile ripararla, fino a sera al buio tutti i tentativi senza successo. Disperazione. Il giorno dopo si riprova, niente da fare. Guardavamo il campo e lo vedevano già miseramente trinciato.

Venerdì doveva piovere ed invece no! c’ era ancora un bel sole caldo. Coraggio, si ritenta, vengono delle idee nate dalla tenacia e dalla mancanza di mezzi che solo i contadini dell’agricoltura povera riescono a trovare:bloccare la cinghia saldando un ferro: riproviamo.

Dolce rumore di battitura! La mietitrebbia regge e alle 15 del pomeriggio come un cavallo domato compie il suo dovere. Tutto il grano saraceno viene steso al sole e ha ancora un’ora di tempo per riscaldarsi prima di essere riposto al riparo dall’umidità della notte.

Perchè racconto tutto questo? non è la storia di un guadagno ottenuto che va in scena,  ma la prova di una tenacia e di una speranza

Attor vivi:  la natura,  le piante di saraceno e tre contadini agguerriti.

E’ l’agricoltura di montagna, povera e senza aiuti, che resiste.